Home Consigli utili Stella di Natale: Cura e Manutenzione

Stella di Natale: Cura e Manutenzione

come prendersi cura della STELLA DI NATALE?
 

Partiamo dal nome Botanico:

Il nome botanico è Euphorbia pulcherrima: viene anche chiamata Poinsettia, in quanto al momento della sua prima catalogazione botanica non si pensava fosse una euphorbia, quindi le venne dato il nome del primo governatore americano del Messico. Solo successivamente ulteriori studi fecero capire che questa pianta appartiene alla grande famiglia delle euphorbiacee, che comprende piante succulente simili a cactus, arbusti, piccoli alberi e piante erbacee (ricordiamoci l'Euphorbia, la classica cactacea che molti di noi hanno in casa).
 

In natura la stella di Natale è originaria del Messico, anche se ai nostri giorni si è naturalizzata anche in molte zone dell’Asia; siamo abituati a vedere piccole piante di stella di Natale, ma in natura si sviluppano come grandi arbusti, o piccoli alberi, arrivando a superare i tre metri di altezza; in vaso in genere è difficile trovare delle poinsettie più alte di un metro e mezzo.
 

RAMI E FOGLIE

Hanno sottili fusti semi legnosi, di colore verde brillante, molto ramificati; il fogliame è scuro, di forma particolare, ricorda un poco quello dell’agrifoglio, pur avendo lamine fogliari più sottili e delicate; all’apice dei fusti si sviluppano in inverno grandi infiorescenze, che siamo abituati a considerare singoli fiori. In realtà i veri fiori della stella di Natale sono simili a quelli di tutte le euphorbie: sono detti ciazi e hanno dimensioni piccole, sono praticamente privi di petali e sono di colore verde o giallo.
 

Quelli che consideriamo i grandi petali della poinsettia sono in realtà brattee, che sottendono le infiorescenze; ciò significa che non sono petali, ma foglie trasformate. La specie botanica ha brattee di colore rosso acceso, lisce e ampie; nel corso dei decenni però il successo in coltivazione di questa pianta ha dato il via alle ibridazioni; così oggi possiamo avere poinsettie con brattee rosa, fucsia, gialle, bianche, striate, variegate, doppie, arricciate, arrotolate. Si tratta però sempre della stessa pianta e della stessa specie, e quindi tutte le stelle di Natale vanno coltivate nello stesso modo.
 

DOVE VIVONO IN NATURA?

In natura queste piante vivono in luoghi collinari o montuosi, caratterizzati da un clima privo di forti sbalzi di temperatura e con minime notturne abbastanza alte.
 

QUALE E' LA TEMPERATURA DI COLTIVAZIONE? 

Non sopportano temperature inferiori ai 12-15°C, che possono causare la repentina e totale perdita di tutto il fogliame. In Italia quindi si coltivano in appartamento, o in n vano scale poco riscaldato.
 

COME COLTIVARLA IN INVERNO?

Durante l’inverno mostrano gradire temperature notturne abbastanza basse, quindi se possibile teniamo la nostra stella di Natale in una stanza della casa non eccessivamente riscaldata e tassativamente lontane da fonti di calore diretto, quali termosifoni o caminetti; allo stesso modo, evitiamo gli sbalzi di temperatura verso il basso, e quindi evitiamo la vicinanza a porte o finestre, ad cui possano entrare folate di aria fredda.
 

DOVE COLLOCARLA?

Una volta trovato un angolo abbastanza luminoso e fresco, evitiamo di spostare la pianta, se non girandola periodicamente, in modo che possa godere della stessa luminosità da tutti i lati. Importante è: mai esporla alla luce diretta dei raggi solari, che potrebbero bruciare le foglie, solo luce diffusa. 
 

TERRENO?

Il terreno in cui coltivare l’Euphorbia sarà un buon terriccio universale, alleggerito con poca sabbia, per evitare i ristagni idrici, che potrebbero favorire lo sviluppo di malattie fungine.
 

QUANDO ANNAFFIARLA?

Per tutto l’arco dell’anno annaffiamo solo quando il terreno è ben asciutto, questo può significare anche ogni giorno in giugno o luglio.
 

ANNAFFIATURE INVERNALI?

Generalmente come detto in precedenza si dovrà sentire col dito,  affondandolo nel terriccio, prima che la terra diventi quasi secca e più che altro  prima di procedere con le annaffiature successive.

In linea di massima si potrà irrigare solo una volta a settimana in inverno; evitiamo di lasciare a lungo la pianta completamente asciutta.
 

MAI ECCEDERE CON LE IRRIGAZIONI

Si dovrà controllare bene il terreno, le Poinsettie non amano il terriccio zuppo d'acqua, quindi è bene aspettare che si asciughi il terriccio prima di i procedere con le irrigazioni successive; qualora si dovesse inzuppare troppo il terriccio la pianta potrebbe soffrire di marciumi radicale. 
 

MAGGIORE CONFORT DELLA STELLA?

Per aumentare l’umidità ambientale teniamo il vaso in un sottovaso pieno di argilla espansa, sempre immersa nell’acqua, in modo che l’evaporazione lavori per noi.

Se casa nostra è molto asciutta e amiamo le piante da appartamento, sarebbe opportuno tenere le piante vicine e a fianco un umidificatore a freddo, che immetta costantemente acqua nell’aria. Le foglie di stella di Natale non temono di venire bagnate dalle annaffiature, ma se viviamo in una zona con acqua molto calcarea, rischiamo di macchiarle, è quindi opportuno bagnare solo il terreno, o eventualmente lasciare decantare l'acqua in un contenitore prima di irrigarla.
 

CONCIMAZIONE 

Per tutto l’arco dell’anno somministriamo un fertilizzante, ogni quindici giorni, sospendendo la somministrazione nel periodo della fioritura, ovvero nel periodo invernale da Ottobre a Gennaio 

 

 


ORDINA E RITIRA

Chiama e ordina i tuoi prodotti
Ritira direttamente nel nostro vivaio

COSA DICONO DI NOI

Ottimo servizio ! Abbiamo commissionato a questo garden ( in particolare a Raffaele) gli addobbi della nostra unione ! E che dire , ha fatto un lavoro meraviglioso . Grazie garden morselli ! Grazie Raffa , sei una persona speciale, continuate cosi!
Borghi Stefano
Ho fatto fare un mazzo di fiori per la mia compagna, ho trovato personale molto disponibile, per cercare di capire i miei gusti, ho fatto un figurone!!!! Grazie
Piero Zambelli
Scelta infinita, varia e di ottima qualità. Personale disponibile e preparato, arredi di un gusto infinito.
Buona parte del mio salone é arricchito da elementi e piante di questo vivaio.
Francesco Abbottoni
Il matrimonio di mia sorella, è stato molto suggestivo ogni particolare era davvero curato, personale disponibile e competente. Quando hanno portato il bouquet mia sorella ha pianto di gioia, le abbiamo dovuto sistemare il trucco 2 volte!
Filomena Bergamini
Io mi sono sposata a maggio, hanno fatto un bellissimo servizio dalla macchina,alla chiesa e infine al ristorante. Bravissimo a Raffaele.
Patrizia Cocco
Importante punto di riferimento vivaistico della regione Emilia Romagna. Merita una visita.
Bertellini Albano